GIURISPRUDENZA  - CONTROLLO - CONSULENZA a cura di Giuseppe Girone                                                                    ARCHIVIO    

Corte dei conti, Sezioni Riunite in sede giurisdizionale - Sentenza n. 16 del 22 maggio 2019 - Le Sezioni riunite della Corte dei conti ridefiniscono la nozione di Società a controllo pubblico. La sentenza ha annullato le deliberazioni della Sezione regionale che aveva imposto la riduzione del numero dei componenti del CdA di una società partecipata, ritenendola in controllo pubblico. La Sezione, invece, afferma che, per poter definire una società a controllo pubblico, ed applicare le disposizioni restrittive previste dal TUSP non è sufficiente che i soci pubblici abbiano la maggioranza dei voti in assemblea ed in consiglio di amministrazione, ma è necessaria una verifica sui poteri che le norme statutarie ed i patti parasociali attribuiscono, effettivamente, ai soci pubblici. L’accertamento della sussistenza dello status di “società a controllo pubblico” non può essere desunto dai meri indici costituiti dalla maggioranza di azioni e di consiglieri nel CdA ma richiede una specifica attività istruttoria volta a verificare se sussistano le condizioni richieste dall’art. 2, lett. b) del TUSP. In mancanza di tali condizioni la società non rientra nel perimetro delle società a controllo pubblico. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Siciliana - Sentenza n. 285 del 6 maggio 2019 - L’eccezione di prescrizione deve essere formulata dal convenuto con riferimento specifico alla prospettazione del P.M. in citazione e non può quindi ricollegarsi a fatti totalmente diversi non menzionati nell’atto di citazione. Nell’ambito dell’amministrazione regionale, agli incarichi di dirigente generale, contraddistinti dalla diretta collaborazione con la Giunta regionale (fiduciarietà), non sono estensibili i principi (contraddittorio, procedimentalizzazione ed estesa motivazione) fissati dalla Corte Cost. per l’applicazione dello spoils system ai dirigenti non apicali; è sufficiente che il provvedimento di revoca dell’incarico di dirigente generale sia adeguatamente motivato, indicando in maniera sintetica i presupposti fattuali e giuridici - La deliberazione della Giunta regionale avente ad oggetto la ratifica di un decreto del Pres. della Reg., viziato da incompetenza, comportando la sanatoria ex tunc, interrompe il nesso di causalità tra il citato decreto e il pagamento in favore di terzi da esso derivante, nel senso che tale esborso va imputato a tutti i componenti della Giunta - La clausola di un contratto collettivo (onerosa) non può precludere di fatto l’applicazione di una norma di legge con una sorta di efficacia sostanzialmente abrogante, che è contraria al sistema delle fonti del diritto, fermo restando che l’Amministrazione pubblica è tenuta ad attivarsi per la modifica della medesima clausola e per la sua contestazione in sede giudiziale. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Siciliana - Sentenza n. 243 dell'8 aprile 2019 - Il fermo amministrativo previsto dall'art. 69 r.d. 18 novembre 1923, n. 2440 è un provvedimento di autotutela cautelare, di carattere eccezionale, che sospende il pagamento di un debito di un'amministrazione verso un soggetto a tutela di un credito della stessa o di altra amministrazione, rispetto al medesimo soggetto, con lo scopo di consentirne la compensazione. Il provvedimento di fermo, che trova applicazione fra amministrazioni statali, non può essere emesso ed eseguito quando il debito è a carico di amministrazioni non statali, ovvero di enti pubblici con personalità giuridica distinta dallo Stato (INPS, Fondo di previdenza per il personale del Ministero dell’Economia e delle Finanze). da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Siciliana - Sentenza n. 212 del 26 marzo 2019 - La prospettazione di una possibile responsabilità erariale per il mancato conseguimento delle indennità di occupazione dovute dai privati occupanti di immobili abusivi in favore dei Comuni richiede -oltre ai requisiti oggettivi e soggettivi generali della responsabilità erariale- la presenza contemporanea dei seguenti presupposti: 1)- il completamento della procedura prevista dall’art. 31, commi 3 e 4 , del d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, contraddistinta dalla formale emanazione dei provvedimenti di acquisizione dei beni al patrimonio comunale; 2)- il completamento della procedura prevista da ciascuna legge regionale per la concessione in uso di immobili abusivi a privati (nella fattispecie in esame la disciplina è prevista dall’art. 4 della legge della Regione siciliana n. 17 del 1994); 3)- la puntuale dimostrazione dell’idoneità tecnico-strutturale dell’immobile ad essere destinato a civile abitazione, la prova della sua effettiva occupazione (durata e caratteristiche della stessa) e la precisa quantificazione del valore dell’indennità. Un’eventuale responsabilità erariale può anche sussistere laddove i competenti organi comunali omettano di completare una delle summenzionate procedure; in tale ipotesi, però, già in fase preprocessuale va contestata in maniera specifica siffatta omissione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale di Appello - Sentenza n. 39 dell'8 marzo 2019 - La prescrizione dell’azione di responsabilità amministrativa decorre dalla data dell’effettivo pagamento – sia per il danno diretto che per quello indiretto – poiché a tale momento si verifica il depauperamento dell’Ente. La conclusione di un contratto di lavori pubblici senza lo stanziamento dell’intera provvista finanziaria - ma con la clausola espressa che la realizzazione dei lavori avverrà per singoli lotti previa la disponibilità dei fondi - non costituisce un comportamento negligente né potrebbe dare luogo ad un legittimo affidamento in capo all’esecutore dei lavori. Tenuto conto inoltre che ai sensi della legge di contabilità di Stato è possibile suddividere i lavori pubblici per lotti in base alla disponibilità finanziaria dell’Ente, qualora ciò sia riconosciuto vantaggioso per l’amministrazione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione in sede giurisdizionale in speciale composizione - Sentenza n. 5 del 18 febbraio 2019 - Il controllo del giudice contabile sulle misure correttive adottate dall’ente ai sensi dell’art 148bis del Tuel, è svolto in termini unitari ed onnicomprensivi: non è possibile, pertanto, ipotizzare una riapertura parziale della fase accertativa in funzione della tipologia delle misure disposte con conseguente disponibilità per l’ente di un nuovo termine di sessanta giorni. Il blocco della spesa relativa ai programmi per i quali è stata accertata la mancata copertura o insussistenza della spesa, può essere riferito alla spesa di carattere non obbligatorio, unitariamente intesa, e quindi ai programmi che l’ente ha finanziato in base alla sua discrezionalità. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione in sede giurisdizionale in speciale composizione - Ordinanza  n. 5 del 18 febbraio 2019 - Non è manifestamente infondato, in relazione agli articoli 3, 81, 97, c.1., 119, c. 6, e 136 Cost., il dubbio sulla legittimità costituzionale dell'art. 2, c. 6, del d.l. 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla l. 6 agosto 2015, n. 125, come interpretato autenticamente dall’art. 1, c. 814, della l. 27 dicembre 2017, n. 205, che consente agli enti destinatari delle anticipazioni di liquidità di cui all'art. 1 del d.l. 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla l. 6 giugno 2013, n. 64, di utilizzare la quota del risultato di amministrazione accantonata per sterilizzare gli effetti delle predette anticipazioni, ai fini dell'accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità. da www.corteconti.it
....

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Sardegna - Sentenza n. 19 dell'8 febbraio 2019 - È stata esaminata una fattispecie di responsabilità riguardante l’acquisto di un immobile da parte di un’Azienda Sanitaria e la contrazione del mutuo a tal fine diretto, senza previa acquisizione di relazione tecnica estimativa sulla congruità del prezzo richiesto dalla società venditrice e sulla idoneità dell’immobile all’uso cui sarebbe stato destinato. Sono state portate in detrazione del danno contestato le somme che sarebbero state versate a titolo di locazione dell’immobile acquistato al fine di tenere conto dei vantaggi comunque conseguiti in applicazione del disposto di cui all’art. 1 bis legge n. 20 del 1994. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale di Appello - Sentenza n. 13  del 4 febbraio 2019 - In materia di somme dovute dai produttori all'Agea per l’eccedenza di produzione di latte (c.d. quote latte), in adempimento di obblighi comunitari, viene individuato nella filiera produttiva un soggetto (la cooperativa) che trattiene presso di sé (o riscuote in altro modo) le somme dovuti dagli allevatori. Tale posizione comporta in capo alla cooperativa l’esistenza degli obblighi propri dell’agente contabile anche in assenza di un rapporto di servizio con l’amministrazione. Le somme in esame, infatti, sono provviste di un vincolo di indisponibilità di natura pubblicistica ancorchè siano gestite da soggetti privati. Ogni violazione relativa all’integrale e corretto riversamento di tali somme alle casse dell’Ente pubblico (Agea), così come ogni altro utilizzo incompatibile con le finalità predette, costituisce un illecito sottoposto alla giurisdizione della Corte dei conti.  da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione in sede giurisdizionale in speciale composizione - Sentenza n. 1 del 15 gennaio 2019 - In materia di parifica regionale l’interesse a ricorrere, sussiste quando viene contestata la conformità a legge delle verifiche compiute. Il giudice della parifica non può ritenersi vincolato ad un proprio precedente, quando, per l’assenza di un’analisi peculiare su un determinato dato contabile, non sia stata rilevata l’inosservanza di una norma. Il disavanzo d’amministrazione si ripiana (o si riduce nei casi previsti di ripiano pluriennale), se nel consuntivo relativo all’esercizio al quale è stato applicato si accerta un miglioramento del risultato d’amministrazione. La disposizione contenuta nell’articolo 4, comma 2 del d.m. 2 aprile 2015 per il maggior disavanzo da riaccertamento dei residui, è una norma meramente tecnica, attuativa di principi generali dettati dalla Costituzione e dal d.lgs. n. 118/2011. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 447 del 27 dicembre 2018 - Il direttore dei lavori risponde della scorretta contabilizzazione delle opere realizzate, che abbia comportato il pagamento da parte della Pubblica Amministrazione di lavori mai posti in essere, sebbene contabilizzati, per contratto, a corpo; In materia di appalti di opera pubblica il Responsabile Unico del Procedimento è tenuto a vigilare sul rispetto dei principi di legalità, economicità, efficienza e trasparenza dell'azione amministrativa in tutte le attività svolte anche di natura tecnica. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 428 del 19 dicembre 2018 - Per i danni riportati da una società in house in relazione ad attività di investimento finanziario rivelatasi in perdita, risponde il presidente del consiglio di amministrazione, che abbia operato come sostanziale dominus dell'attività; tale responsabilità si estende comunque ai consiglieri di amministrazione, quantomeno a titolo di colpa grave, se i medesimi abbiano omesso di limitare il mandato ad agire conferito al Presidente e poi di informarsi e di informare, tra gli altri, il collegio sindacale circa l’esorbitanza degli atti gestionali rispetto alle finalità istituzionali dell'ente. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 424 del 18 dicembre 2018 - La distribuzione dell’onere della prova in tema di responsabilità propria nella gestione di risorse pubbliche, grava sulla parte convenuta; pertanto devono essere ritenute foriere di danno erariale tutte le spese per le quali non sia fornita giustificazione riscontrabile e puntuale in ordine all’inerenza della spesa. Può essere validamente disposto il rimborso delle spese, sostenute dai membri dei gruppi consiliari, nel cui documento giustificativo sia rinvenibile non il solo il dato storico dell’intervenuta spesa, ma anche l’indicazione specifica della finalità per cui la spesa è stata sostenuta. Con riferimento alle spese di ristorazione, sostenute nell’ambito della gestione dei fondi di pertinenza dei gruppi consiliari, il rimborso per consumazioni singole in ristoranti, bar e autogrill deve essere escluso, trattandosi di spese già coperte da una specifica voce del trattamento economico consistente nell’indennità di diaria e, se svolte all’interno del territorio nazionale, nel rimborso delle spese di missione. Anche per le consumazioni e i pasti relativi a soggetti terzi deve essere esclusa la riconducibilità alle spese di funzionamento, non ricorrendo i presupposti per qualificarle tra le spese di rappresentanza. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, III Sezione giurisdizionale d'Appello - Sentenza n. 464 del 14 dicembre 2018 - La c.d. “translatio iudicii”, con salvezza degli effetti processuali e sostanziali connessi alla domanda originaria, presuppone che in sede di riassunzione della domanda davanti al giudice contabile l’Attore pubblico debba mantenersi entro i limiti dell’emendatio libelli. Non è consentito, attraverso attività istruttorie successive o prospettazione di fatti nuovi, modificare la domanda o formulare domande nuove. Qualora sia affermata la giurisdizione della Corte dei conti in relazione ad una causa proposta davanti ad altro giudice, al fine della translatio iudicii ex art. 59 l. n. 69 del 2009 (ed oggi dall’art. 17, co. 2 e 4, c.g.c.) è sufficiente il deposito dell’atto di riassunzione, non rivelandosi necessaria la previa emissione dell’invito a dedurre. Nel giudizio di responsabilità amministrativa, il termine perentorio fissato dalla legge per la translatio iudicii è rispettato nel momento in cui si è determinata, con il deposito dell’atto di riassunzione, la pendenza del processo. da www.corteconti.it
 

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 422 del 7 dicembre 2018 - Il regime previdenziale delle aspettative non retribuite non è uniforme per tutte le tipologie normative esistenti e la disposizione, da parte dell’Amministrazione di appartenenza, di un tipo di aspettativa relativo ad una diversa fattispecie non vale a modificare il regime giuridico e previdenziale, relativo allo svolgimento di quelle specifiche funzioni. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 421 del 6 dicembre 2018 - I lavoratori non vedenti, ai fini del diritto alla pensione e del calcolo dell’anzianità contributiva, hanno diritto, su richiesta, per ogni anno di servizio, ad un beneficio di quattro mesi di contribuzione figurativa utile e ad una pari maggiorazione dell’età anagrafica, a cui applicare il coefficiente di trasformazione per il calcolo della quota di pensione nel sistema contributivo, senza poter cumulare tali benefici con altre disposizioni normative di favore. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 409 del 22 novembre 2018 - L’insindacabilità, davanti la giurisdizione contabile, delle scelte dei gruppi consiliari nella gestione dei fondi di propria pertinenza vale per le sole opzioni giuridicamente consentite nel limite della cura dell’interesse pubblico e la Corte dei conti non viola il limite giuridico della riserva di amministrazione nel controllare anche la giuridicità sostanziale dell’esercizio del potere discrezionale. Rientrano tra le spese di rappresentanza dei gruppi consiliari regionali solo quelle che siano destinate ad accrescere il prestigio istituzionale esterno dell’organismo cui fanno riferimento e che, sotto il profilo quantitativo, rispondano a criteri di equità e ragionevolezza. Non sono rimborsabili le spese sostenute dai gruppi consiliari per l’attività di propaganda politica del partito, assolutamente differente dall’attività istituzionale del gruppo, poiché la commistione tra i due aspetti finirebbe nel risolversi in un finanziamento occulto del primo da parte del secondo. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 359 del 15 novembre 2018 - Affinché l’assoluzione in sede penale possa assumere rilievo sotto il profilo della responsabilità amministrativa nei confronti del soggetto convenuto per i medesimi fatti, è necessario che la pronuncia assolutoria abbia compiuto un autonomo accertamento dell’insussistenza del fatto o dell’impossibilità di attribuirlo all’interessato. L’attività di stima di un immobile, svolta da un dipendente pubblico, è censurabile dal giudice contabile solo ove manifesti un’evidente incoerenza, altrimenti rientrando nell’ambito della discrezionalità tecnica - che induce a valutare circostanze e fatti suscettibili di diverso apprezzamento a seconda della metodologia di stima adottata - e non nell’ambito dell’accertamento tecnico, ove, invece, l’esattezza della scienza di riferimento non prevede il momento valutativo da parte del tecnico. All’organo politico non può essere imputata responsabilità per attività tecnica, essendo la sua condotta censurabile solo in caso di palese irrazionalità ed illogicità. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 359 del 15 novembre 2018 - Affinché l’assoluzione in sede penale possa assumere rilievo sotto il profilo della responsabilità amministrativa nei confronti del soggetto convenuto per i medesimi fatti, è necessario che la pronuncia assolutoria abbia compiuto un autonomo accertamento dell’insussistenza del fatto o dell’impossibilità di attribuirlo all’interessato. L’attività di stima di un immobile, svolta da un dipendente pubblico, è censurabile dal giudice contabile solo ove manifesti un’evidente incoerenza, altrimenti rientrando nell’ambito della discrezionalità tecnica - che induce a valutare circostanze e fatti suscettibili di diverso apprezzamento a seconda della metodologia di stima adottata - e non nell’ambito dell’accertamento tecnico, ove, invece, l’esattezza della scienza di riferimento non prevede il momento valutativo da parte del tecnico. All’organo politico non può essere imputata responsabilità per attività tecnica, essendo la sua condotta censurabile solo in caso di palese irrazionalità ed illogicità. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 294 del 18 ottobre 2018 - L’affidamento di un incarico di patrocinio legale, nei casi consentiti dalla legge, può essere remunerato tramite il patto di quota lite, senza che siano configurabili profili di responsabilità erariale. Tra i criteri di determinazione dell’onorario spettante per prestazioni di patrocinio legale ha preferenza assoluta l’accordo tra le parti e solo in mancanza ci si può riferire alle tariffe professionali, agli usi e alla decisione del giudice. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Umbria - Sentenza non definitiva - Ordinanza n. 76 del 9 ottobre 2018 - Dipendente pubblico assenteista. Danno all'immagine. Pena minima edittale. Questioni di legittimità costituzionale - Art. 55-quater, comma 3-quater, ultimo periodo, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dal decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, in attuazione dell’art. 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124. Violazione dell’art. 76 della Costituzione. Violazione dell’art. 3 della Costituzione [anche in combinazione con gli art. 23, 117, primo comma, della Costituzione rispetto all’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e all’art. 4 del Protocollo n. 7 addizionale di detta convenzione firmata a Roma il 4 novembre 1950]. Violazione dei principi di gradualità e proporzionalità sanzionatoria. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Abruzzo - Sentenza n. 110 del 6 settembre 2018 - Responsabilità - Danno erariale - Il dipendente pubblico che manipola le rilevazioni del personale registrate dal sistema informatico dell'amministrazione è obbligato al risarcimento del danno.
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 346 del 15 giugno 2018 - Contratti derivati stipulati dal MEF - Danno erariale - Sussiste il difetto di giurisdizione della Corte dei Conti a pronunciarsi sulla responsabilità amministrativa per danno erariale connessa ai contratti derivati stipulati dal MEF, stante l’insindacabilità nel merito delle scelte discrezionali operate dall’amministrazione, e dovendosi escludere che la stipulazione dei contratti derivati in contestazione integri gli estremi di una violazione di legge.
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 116 del 24 maggio 2018 - Non è ammesso a discarico il conto presentato dall'agente della riscossione dell'imposta di soggiorno se le cause di esonero dal pagamento dell'imposta, allegate dall’agente contabile a fondamento del mancato versamento, non siano comprovate da idonea documentazione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 106 del 23 maggio 2018 - L'obbligo formativo dei soggetti neoassunti, gravante sul percettore di finanziamenti pubblici ottenuti al fine di favorire l'incremento occupazionale, si può ritenere adempiuto se tale attività formativa sia stata condotta all'interno dell'azienda mediante l'affiancamento del lavoratore ad un altro soggetto già professionalmente formato. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 103 del 23 maggio 2018 - L’impresa beneficiaria di una contribuzione pubblica risponde dello sviamento delle risorse percepite derivante dall’inadempimento agli obblighi assunti, ma il risarcimento conseguente deve essere ridotto in considerazione dell’omessa vigilanza, da parte degli organi preposti, sulla corretta attuazione dei medesimi. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Regione Liguria - Ordinanza n. 31 del 22 maggio 2018 - Relativa agli accadimenti del G8 di Genova - Rimessione alla Corte Costituzionale per la definizione del danno all'immagine.
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 72 del 10 maggio 2018 - La mancata notifica dell’atto di citazione, a causa della morte del convenuto, non consente la riassunzione del giudizio in capo agli eredi, anche se lo stesso è stato regolarmente depositato, in quanto l’instaurazione del rapporto processuale presuppone non soltanto che l’atto di citazione sia iscritto a ruolo, ma che sia stato anche notificato al convenuto. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 69 dell'8 maggio 2018 - Non è ammissibile l’utilizzo del ricorso ad istanza di parte, sia pure nella formula residuale prevista dall' art. 58 del R.D. n. 1038 del 1933, per far valere richieste di tipo risarcitorio volte ad introdurre un giudizio per presunta responsabilità amministrativa, in quanto la relativa iniziativa è di esclusiva competenza del pubblico ministero contabile. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 66 del 7 maggio 2018 - Nel giudizio contabile la sentenza penale che dichiara la prescrizione del reato non assume alcun valore vincolante, in quanto pronuncia che non acquisisce autorità di cosa giudicata, al contrario della sentenza definitiva di assoluzione, che contenga un effettivo accertamento dell'insussistenza del fatto o dell'impossibilità di attribuirlo all'imputato e sempre che l’assoluzione non sia motivata con la mancanza di sufficienti elementi di prova in ordine al fatto o alla sua attribuzione all'imputato. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 65 del 7 maggio 2018 - La Sezione ha precisato che, nell’azione revocatoria, l’esistenza del pregiudizio alle ragioni creditorie può essere ricavata sulla base di una presunzione iuris tantum superabile solo in forza di una diversa e contraria allegazione da parte del convenuto debitore, che è tenuto a fornire la prova della capienza del patrimonio residuo; e che anche l’elemento soggettivo della consapevolezza di detto pregiudizio è desumibile in via presuntiva , laddove, come nel caso di specie, l’atto di disposizione sia anteriore al sorgere del credito. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Calabria - Sentenza n. 64 del 7 maggio 2018 - La Sezione ha precisato che non è configurabile un danno erariale, per mancanza dell’elemento soggettivo della colpa grave o del dolo, in relazione alla condotta di chi, percependo contributi comunitari, commetta violazioni formali ma nella sostanza ponga in essere le finalità per cui ha ricevuto il finanziamento comunitario. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la Regione Liguria - Sentenza n. 131 del 5 aprile 2018 - Relativa agli accadimenti del G8 di Genova.
.

Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale d’Appello per la Regione Siciliana - Sentenza n. 73 del 14 aprile 2018 - Dopo un'analitica disamina della più recente giurisprudenza della Corte Costituzionale, riguardante norme finalizzate al riequilibrio del sistema previdenziale ed al contenimento della relativa spesa, la Sezione d'Appello per la Sicilia ha dichiarato la manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale, che erano state prospettate da varie parti nei riguardi dell'art.22 della L.R. n.21/2014, che ha istituito il "contributo di solidarietà" sulle pensioni degli ex dipendenti della Regione siciliana d'ammontare superiore ad € 50.000,00; in particolare, è stata esclusa la natura tributaria del contributo di solidarietà ed è stata affermata la sua conformità ai principi sanciti dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 173/2016. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, III Sezione giurisdizionale d'Appello - Sentenza n. 104 del 27 marzo 2018 - La definizione del giudizio con il c.d. rito abbreviato (art. 130 codice della giustizia contabile) dà luogo ad una pronuncia di merito che presuppone come accertati gli elementi costitutivi della responsabilità amministrativa (rapporto di servizio, antigiuridicità della condotta, colpa grave, nesso di causalità, danno). La sentenza che definisce il giudizio a seguito di rito abbreviato non potrebbe essere assimilata ad una pronuncia in rito diversi essendone gli effetti. Mentre quest’ultima non estingue l’azione, che potrebbe essere riproposta in altro giudizio, la definizione ex art. 130 c.g.c. dà luogo alla soddisfazione della pretesa risarcitoria erariale. Trattandosi di una sentenza di condanna, la sentenza emessa su rito abbreviato comporta l’addebito delle spese processuali a carico della parte privata dando luogo ad una “soccombenza virtuale”. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 119 del 15 marzo 2018 - La Sezione, in una situazione connotata da gravi deficienze riguardanti una struttura sanitaria accreditata, ha assolto alcuni dirigenti e funzionari regionali dall’ipotizzato danno da soprafatturazione di posti letto in day hospital, non rilevando sussistente l’elemento soggettivo della colpa grave nell’incertezza del numero degli accreditamenti che potevano essere disposti. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 117 del 13 marzo 2018 - Due impiegate sono state condannate, a titolo di dolo ed in via solidale, a risarcire gli ammanchi alle casse di un municipio romano provocati dall’appropriazione indebita di somme derivanti da oneri di urbanizzazione pagati in contanti ed in loro mano dai contribuenti. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale d’Appello per la Regione Siciliana - Sentenza n. 47 del 5 marzo 2018 - Pronunziandosi in tema di “ricorso del Pubblico Ministero nell’interesse della legge” in materia pensionistica, di cui all’art. 171 del D.L.vo n.174/2016, la Sezione d’Appello per la Sicilia ha affermato che: il P.M. (che viene ad assumere una veste di “parte meramente formale”) non può intervenire nell’ambito del processo pensionistico (in cui le parti sostanziali, pubbliche e private, si trovano ad operare su un piano di perfetta “parità” tra di loro) allo scopo di tutelare un interesse concreto, di cui sia titolare un determinato Organo od Ente della P.A. od una parte privata, ma esclusivamente al fine di salvaguardare, ove ne sussista oggettivamente l’impellente necessità, i superiori interessi generali alla corretta applicazione della legge ed alla piena attuazione dei principii fondamentali dell’ordinamento giuridico; in tale peculiare ottica, il P.M. può proporre ricorso alla competente Sezione d’Appello avverso una sentenza di primo grado in materia pensionistica non già per stigmatizzare qualsiasi ipotetico “errore di diritto” in essa ravvisabile (la cui eventuale rimozione resta riservata all’iniziativa processuale della “parte sostanziale” direttamente interessata) ma soltanto nei casi eccezionali in cui la decisione risulti viziata da un’interpretazione palesemente abnorme ed irrazionale della normativa vigente o da una sua applicazione del tutto arbitraria rispetto alla fattispecie concreta dedotta in giudizio o da un’immotivata divergenza da basilari principii giurisprudenziali. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 399 del 22 dicembre 2017 - La Sezione ha condannato, a titolo di dolo, l’ex amministratore delegato dell’AMA ed, a titolo di colpa grave, il direttore del personale per aver causato nel corso di alcuni anni un ingente danno erariale alla predetta società in house del comune di Roma, affidando illegittimamente ad una società privata l’incarico di reclutamento di personale con qualifiche non dirigenziali,. Rispondono dell’ingente danno anche: il presidente di commissione per aver concorso con dolo ad assumere a tempo indeterminato autisti falsificando il giudizio di idoneità, ed in relazione all’assunzione di altri dipendenti a chiamata diretta con delibera falsamente retrodatata per aggirare i limiti legislativi; nonché il direttore dell’ufficio legale per omessa vigilanza. Nella quantificazione del danno il Collegio ha valutato equitativamente il vulnus ai principi di cui all’art. 97 commi 2 e 4 Cost ed ha computato interamente gli esborsi subiti dalla partecipata in relazione alle retribuzioni corrisposte ai dipendenti licenziati perché falsamente idonei, riconoscendo solo una parziale compensatio lucri cum damno in relazione alle prestazioni dei dipendenti mantenuti in servizio, in mancanza della dimostrazione da parte requirente dell’inidoneità concreta al servizio prestato. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 372 del 20 dicembre 2017 - La Sezione ha affermato che, nell’ipotesi di mancata realizzazione o, comunque, inutilizzabilità di un’opera pubblica, deve essere affermata la concorrente responsabilità del direttore dei lavori e del responsabile del procedimento, in quanto gli stessi sono tenuti a garantire e a controllare la corretta realizzazione dell’opera e la messa a disposizione in favore della collettività. In particolare, la Sezione ha precisato che, in tali fattispecie, la decorrenza del termine di prescrizione deve essere individuata nel momento in cui la condotta viene scoperta in tutte le sue componenti, oggettive e soggettive, coincidente, nel caso di specie, con la data di emissione del decreto di convalida del sequestro preventivo dei luoghi disposto per la particolare pericolosità della medesima opera pubblica. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 352 del 20 dicembre 2017 - La Sezione ha precisato che, nell’ipotesi di esercizio dell’azione revocatoria successivo a sentenza di condanna per responsabilità amministrativa, permane la legittimazione a promuovere l’azione revocatoria da parte del Procuratore presso la Corte dei conti (ancorché congiuntamente a quella dell’ente pubblico danneggiato) e, conseguentemente, la giurisdizione contabile. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 264  del 20 dicembre 2017 - La Sezione, con pronuncia interlocutoria, ha affermato la sussistenza della giurisdizione contabile in relazione al danno all’immagine della Regione Calabria, causato da un consigliere regionale. Il danno per cui quest’ultimo era stato convenuto in giudizio discende da gravi e reiterate violazioni degli obblighi di servizio, poste in essere in concorso con un magistrato (del pari convenuto per il danno all’immagine), consistenti in condotte collusive con cosche mafiose del reggino. La Sezione ha in particolare precisato che, anche nella previgente disciplina del danno all’immagine, rappresentata dal d.l. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con l. 3 agosto 2009, n. 102, erano sottoposti a tale fattispecie di responsabilità erariale tutti i soggetti legati alla pubblica amministrazione da un rapporto di servizio; tra questi anche i consiglieri regionali, non assumendo rilievo scriminante l’immunità loro conferita per le manifestazioni di volontà di carattere politico. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale d'Appello per la Regione Sicilia - Sentenza n. 118  del 12 ottobre 2017 - La Sezione d'Appello per la Sicilia ha condannato il Rettore di un'Università, il preside di Facoltà e vari componenti del Consiglio di Facoltà a risarcire sia il danno patrimoniale indiretto sia quello da disservizio, da essi arrecati all'Ateneo nel tentativo di "pilotare" una procedura concorsuale bandita per la nomina di un professore associato. A tal proposito, il Collegio Giudicante ha evidenziato che i comportamenti complessivamente tenuti da tutti i soggetti implicati nella losca vicenda erano stati connotati da dolo intenzionale, avendo essi deliberatamente cooperato per conseguire finalità illecite ed in evidente contrasto con l'interesse pubblico, considerato che lo scopo perseguito non era stato quello di assicurare, in maniera legittima e tempestiva, all'Ateneo l'apporto scientifico e didattico di un nuovo docente professionalmente qualificato bensì quello di tentare di favorire, a tutti i costi, il figlio di un professore ordinario, all'epoca assai influente nell'ambiente accademico locale. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale d'Appello per la Regione Sicilia - Sentenza n. 112 del 19 settembre 2017 - La Sezione d'Appello della Corte dei Conti per la Sicilia ha confermato la condanna del vice sindaco di un Comune a risarcire i danni derivati dagli illegittimi e sostanzialmente inutili incarichi conferiti ad esperti esterni all'Amministrazione. In particolare, è stato evidenziato che i conferimenti degli incarichi erano avvenuti in violazione della normativa e dei fondamentali canoni giurisprudenziali, in base ai quali: l'utilizzo di soggetti esterni all'Amministrazione è consentito soltanto per far fronte, in via transitoria, ad esigenze straordinarie e ben delimitate, per il soddisfacimento delle quali occorrano competenze professionali altamente specialistiche, non rinvenibili nel personale in servizio nell'Ente Pubblico; i relativi compensi debbono essere fissati entro i limiti previsti dalle disposizioni vigenti; il conferimento dell'incarico dev'essere sempre ampiamente e congruamente motivato e non può mai prescindere dall'osservanza dei basilari principi di razionalità, trasparenza, economicità, efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa, aventi una specifica valenza giuridica. da www.corteconti.it
,

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Veneto - Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 Pres. ed Est. Carlino – P.M. Evangelista e Imposimato – Pr/c Giuseppone (Avv. Sfrecola). La nuova competenza territoriale per i processi con convenuti magistrati. Si applica anche ai fatti anteriori al nuovo Codice del Processo contabile.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per il Trentino Alto Adige - Sentenza n. 13 del 14 giugno 2017 - La sentenza riguarda la spesa per l’acquisto, da parte di un Comune, di un cristallo di rocca da destinare quale dono di compleanno al Presidente della Provincia. La spesa costituisce un danno per l’erario, in quanto non può farsi rientrare tra quelle sostenute per mantenere o accrescere il prestigio dell’ente e per far conoscere e apprezzare l’attività svolta in favore della collettività. La responsabilità per tale danno è stata riconosciuta sussistente in capo al segretario comunale perché la sua condotta, contraria ai doveri d’ufficio, integra la colpa grave. Alla causazione del danno risultano aver concorso anche i componenti della giunta municipale che hanno deliberato la spesa, soggetti tuttavia non convenuti in giudizio. Il concorso causale è stato individuato nella misura del 50%. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Toscana - Sentenza n. 133 del 23 maggio 2017 - Danno erariale causato all’erario del Comune di Montescudaio per avvenuto riconoscimento di un debito fuori bilancio a seguito di pignoramento presso terzi per decreto ingiuntivo non opposto. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Puglia - Sentenza 229 del 19 maggio 2017 - Integra gli estremi di un illecito amministrativo-contabile, a titolo di colpa grave, il comportamento del responsabile dell’ufficio tecnico comunale, che ometta di provvedere alla diretta rideterminazione del costo di costruzione, ovvero, in alternativa e necessariamente per comunicazione formale, di proporre siffatto adempimento all’organo consiliare; risultando irrilevante il comprovato sollecito verbale indirizzato ai vertici politici dell’ente locale (nella specie, la circostanza, è stata, tuttavia, valorizzata in sede di applicazione del potere riduttivo dell’addebito). da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lombardia - Sentenza n. 62 del 3 maggio 2017 -   La Sezione ha contestato, ad un Direttore dei Lavori, il danno patrimoniale diretto subito dall’amministrazione committente consistente nel pagamento, da parte di quest’ultima, di acconti di opere e materiali in eccesso rispetto a quelli effettivamente forniti dall’impresa in esecuzione di un appalto a corpo. La Sezione ha in proposito affermato che il Direttore dei Lavori, ex articolo 194 del D.P.R. n. 207/2010, deve procedere correttamente alle valutazioni di sua competenza, sicché i SAL, che costituiscono acconti corrisposti all’impresa, devono essere commisurati alla quantità e qualità delle opere effettivamente eseguite. Peraltro – ha precisato la Sezione - ai sensi dell’articolo 183 del medesimo D.P.R. ogni misurazione effettuata dal Direttore dei Lavori, qualunque sia il metodo adottato, deve corrispondere allo scopo di determinare nella maniera più precisa possibile il lavoro o la prestazione fornita, al fine di consentire il rispetto del principio di corrispondenza tra quanto eseguito e quanto liquidato in esecuzione del contratto di appalto. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Giudice unico per le pensioni - Ordinanza n. del 15 febbraio 2017 - Questioni di massima in materia di pensioni - Possibilità delle Sezioni regionali della Corte dei conti di sollevarle - Ammissibilità del decreto  ingiuntivo - Giudice unico, Fava - Giudizi pensionistici iscritti ai numeri 12284, 12285, 12286, 12287, 12288, 12289, 12290, 12291, 12292 e 12293 del registro di segreteria promossi contro l’INPS.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Piemonte - Sentenza n. 13 del 10 febbraio 2017  - Non è temeraria la lite se manca la consapevolezza circa l’infondatezza della domanda - La soccombenza in giudizio di qualsiasi Amministrazione, laddove non sussistano palesi e macroscopiche motivazioni per non resistere alla pretesa avversaria e, quindi, quando la lite non appaia oggettivamente temeraria, rientra pacificamente nel cosiddetto rischio che l’Ente stesso si assume ogni volta che decida di privilegiare la predetta scelta, rischio che non può ricadere, successivamente, sull’Amministrazione medesima e sugli Organi interni che abbiano agito per salvaguardare, dopo una oculata e ponderata valutazione, gli interessi pubblici sottesi, essendo per definizione il risultato del contenzioso incardinato, comunque, potenzialmente favorevole o sfavorevole in funzione di molteplici fattori imponderabili, per nulla certi o prevedibili, i quali tendenzialmente sfuggono al pieno controllo di coloro che abbiano deciso di esperire la causa, secondo calcoli probabilistici e presuntivi del singolo caso. da www.respamm.info
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 32 del 1 febbraio 2017 - Non è responsabile il dirigente Asl che ricorre a proroga di fatto contrattuale per la manutenzione di apparecchiature elettromedicali, in attesa dei tempi di espletamento di una successiva gara. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 16 del 16 gennaio 2017 - Sindaco e amministratore di un comune sono stati condannati a risarcire il danno al patrimonio dell’ente determinato dalla revoca, per omessa rendicontazione, di finanziamento comunitario per il recupero di beni storico artistici. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 338 del 15 dicembre 2016 - Accertata la responsabilità amministrativa del dirigente di un comune, al contempo direttore dei lavori e responsabile del procedimento, per aver determinato con il suo comportamento negligente la revoca di un finanziamento regionale concesso per lavori di ristrutturazione, il cui onere economico è rimasto a carico del bilancio comunale, non avendo egli provveduto alle formalità relative in evidente violazione dei doveri d’ufficio. Si è proceduto, peraltro, alla riduzione dell’addebito per carenza di adeguata organizzazione dell’ente. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 323 del 28 novembre 2016 - Che ha condannato il segretario generale ed il vice segretario generale di un comune al risarcimento del danno al patrimonio dell’ente per corrispettivi di incarichi conferiti e non comunicati alla F.P. e per violazione dell’obbligo di pubblicazione dei dati relativi sul sito istituzionale. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Sentenza n. 60 del 29 agosto 2016 - 1) Le regole della responsabilità amministrativo-contabile non consentono al funzionario che ha adottato un dannoso provvedimento esonerativo di pagamento di tributo di procedere, d’ufficio, alla revisione del provvedimento stesso, confermandolo per una fattispecie esonerativa diversa da quella chiesta dal privato e mai invocata, nemmeno nel procedimento di revisione, dal privato medesimo. 2) Ai fini della corretta applicazione delle regole sull’attualità della deminutio patrimonii, le ipotesi di danno da mancata entrata, deliberata e dovuta, non vanno confuse con quelle, alquanto diverse, di illegittimo esonero del pagamento dell’entrata stessa.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Sentenza n. 59 del 29 agosto 2016 - 1) Nel contratto autonomo di garanzia, che assiste le obbligazioni assunte dal privato nei confronti della P.A., è preclusa al garante l’opponibilità delle eccezioni spettanti al debitore principale verso il creditore garantito. 2) La colpa grave del funzionario che vigila sulla corretta esecuzione del contratto stipulato dall’Ente di appartenenza va valutata tenendo conto delle relazioni complessive del contratto stesso e non solamente di quelle favorevoli al suddetto Ente.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Sentenza n. 51 del 29 giugno 2016 - Quando le verticalizzazioni e le stabilizzazioni di personale producono danno erariale. Le c.d. “verticalizzazioni” e le c.d. “stabilizzazioni” del personale in servizio presso la P.A. vanno valutate come forme di “accesso interno”, ai fini dell’eventuale superamento della riserva del 50% dell’“accesso esterno”. In carenza di un qualche documentato resoconto sul concreto andamento dei lavori di un organo collegiale, il criterio di imputazione della responsabilità resta quello formale del voto favorevole espresso, mitigato dalla maggior responsabilità del proponente e del presidente, per il maggior coinvolgimento materiale e psicologico individuato negli atti del giudizio.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 164 del 25 maggio 2016 - La Corte dei conti ha ritenuto responsabile il presidente di un ente pubblico per aver dolosamente indotto il c.d.a. dell’ente ad acquistare un immobile ad un prezzo fuori mercato, allo scopo di favorire terzi interposti. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Veneto - Sentenza n. 68 del 10 maggio 2016 - La Sezione ha affermato la non attualità del danno in relazione ad una operazione di finanziamento (leasing finanziario) per la realizzazione di un'opera pubblica (ritenuta dalla Procura più onerosa di un ordinario mutuo contratto con la CDP), ritenendo che l'ipotesi dannosa possa essere rilevata e valutata solo dopo il consolidamento degli oneri effettivi che lo strumento finanziario utilizzato, a tassi variabili nel tempo e ancora in corso di esecuzione, abbia determinato in capo all'ente contraente. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale d'Appello per la Regione Siciliana - Sentenza n. 38 del 1 aprile 2016 - La Sezione d’Appello della Corte dei Conti per la Sicilia, dopo un’ampia disamina dell’evoluzione normativa e giurisprudenziale riguardante la giurisdizione sulle “società partecipate” da Enti Pubblici, con particolare riferimento a quelle denominate “in house providing”, ha dichiarato la sussistenza della giurisdizione della Corte dei Conti in ordine all’azione di responsabilità amministrativa promossa dalla Procura regionale nei confronti di vari amministratori e funzionari per il risarcimento del danno patrimoniale cagionato alla società incaricata della gestione del sistema informatico della Regione Siciliana (società istituita con legge regionale e che, all’epoca dei fatti di causa, aveva un capitale posseduto in misura del 51% dalla Regione ed in misura del 49% da un socio privato di minoranza). A tal proposito, per la soluzione della “vexata quaestio” (che era stata definita nel giudizio di primo grado con il diniego della giurisdizione contabile) sono stati ritenuti applicabili i fondamentali principii recentemente introdotti a livello comunitario dalla Direttiva 2014/24/UE del 26.2.2014, da reputarsi “self executing”. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 95 dell'11 marzo 2016 - Danno erariale - Viene  riconosciuta l’illegittimità di spese per rifornimenti di carburante effettuate con uso abusivo delle carte carburante. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Campania - Ordinanza n. 63 del 7 marzo 2016 - Domanda cautelare introdotta con ricorso ex art. 700 c.p.c. – Difetto assoluto di giurisdizione - Improponibilità della domanda cautelare.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Sentenza n. 11 del 4 febbraio 2016 - Comune di Perugia - Danno all’immagine – Azione risarcitoria promossa nei confronti di un agente della Polizia Municipale già condannato in sede penale per una vicenda particolarmente grave. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Sentenza n. 133 dell'11 novembre 2015 - La Corte dei conti ha giurisdizione sulle controversie risarcitorie da mala gestio promosse dalla Procura erariale nei confronti degli amministratori degli Ambiti Territoriali di Caccia, data la natura pubblica dei relativi Comitati di Gestione.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Umbria - Sentenza n. 78 del 17 luglio 2015 - La sentenza tratta un singolare caso di chiamata in giudizio per il mancato pagamento di multa (come sanzione penale) e i limiti dell'azione del PM contabile in presenza di condanna generica del giudice penale.
.

Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Ordinanza  n. 163 del 22 aprile 2015 -  Ricorso proposto da Matteini Chiari Sergio ed altri contro INPS. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2014) - Interventi in materia previdenziale - Trattamenti corrisposti da enti gestori di forme di previdenza obbligatoria complessivamente superiore a quattordici volte il trattamento minimo INPS - Assoggettamento ad un contributo di solidarietà a decorrere dal 1° gennaio 2014 e per un periodo di tre anni - Violazione del principio di solidarietà sociale - Lesione del principio di uguaglianza per irragionevolezza - Violazione del principio di proporzionalità ed adeguatezza della retribuzione (anche differita) - Lesione delle garanzie previdenziali - Violazione dei principi di capacità contributiva e di progressività - Elusione del giudicato delle sentenze della Corte costituzionale nn. 116/2013 e 208/2014. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, comma 486. - Costituzione, artt. 2, 3, 36, 38, 53 e 136. (GU Serie Speciale - Corte Costituzionale n. 35 del 2-9-2015)
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Basilicata - Sentenza n. 42 del 6 luglio 2015 - La sentenza ha condannato alcuni dirigenti del Servizio Sanitario Regionale, per il danno conseguente all’acquisto di 14 ecotomografi portatili a corredo delle ambulanze del Servizio di emergenza-urgenza, risultati dalle indagini sostanzialmente inutilizzati, avendo ritenuto il Collegio che l’acquisto era stato promosso dai convenuti al di fuori di qualsiasi logica programmatoria e/o studio di fattibilità della loro concreta utilizzabilità, e senza curare adeguatamente la formazione professionale dei medici che avrebbero dovuto utilizzare gli strumenti clinico/diagnostici portatili. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Liguria - Sentenza n. 38 del 15 giugno 2015 - Con riferimento all’art.53 comma 7 del D.lgs n. 165/2001 rientrano nel concetto di incarico tutte le forme di attività lavorativa dipendente o autonoma, tra le quali deve essere inclusa anche l’attività libero professionale. Pertanto, ove tale attività non sia autorizzabile o non abbia ricevuto la prescritta autorizzazione, il compenso da essa derivante deve essere versato dal percettore – pubblico dipendente nel conto dell’entrata dell’amministrazione di appartenenza, costituendo l’omissione ipotesi di responsabilità erariale. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Veneto - Sentenza n. 86 del 3 giugno 2015 - Agenti contabili delle case circondariali - Rapporti tra normativa di carattere generale in materia di gestione e contabilità dei beni mobili e normativa speciale degli stabilimenti carcerari - Beni per i quali non sussiste un obbligo di custodia - Conto giudiziale - Esclusione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Liguria - Sentenza n. 34 del 25 maggio 2015 - Che ha ritenuto responsabile, in via sussidiaria rispetto agli amministratori della società, il Sindaco di un Comune, socio di maggioranza (al 95%) della società, per omesso perdurante controllo della gestione di un contributo comunitario erogato in favore della società partecipata. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Umbria - Sentenza n. 43 del 10 aprile 2015 - Responsabilità amministrativa e contabile - Art. 10 bis del D.L. 30 settembre 2005, n. 203, recante misure di contrasto all'evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria, conv. in L. 02/12/2005, n. 248. - Nella responsabilità amministrativa, l’eccezione di prescrizione del diritto risarcitorio, proposta via subordinata, va trattata dopo l’esame del merito, tenuto anche conto dell’interesse del convenuto al proscioglimento per il rimborso delle spese legali. - La Corte dei conti ha giurisdizione sul progettista dei lavori, quando il medesimo è anche direttore dei lavori stessi, atteso che i suoi doveri di direzione si attualizzano già nella fase della progettazione.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Umbria - Sentenza n. 41 del 10 aprile 2015 - Responsabilità amministrativa e contabile – Contributo pubblico rottamazione autoveicoli – Rapporto di servizio tra venditore e Pubblica Amministrazione - Giurisdizione della Corte dei conti - Sussistenza. L. 27/12/2006, n. 296 disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007), art. 1, commi 224 – 234. - La Corte dei conti ha giurisdizione sull’azione di danno promossa nei confronti dei venditori di autoveicoli per la concessione del contributo sulla “rottamazione”, in ragione della funzionalizzazione dei loro doveri alla realizzazione delle finalità di pubblico interesse, perseguite con il menzionato contributo.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Umbria - Sentenza n. 24 del 18 marzo 2015 - Responsabilità amministrativa e contabile - La contrazione di mutui, per coprire debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive relative a procedure espropriative per opere di pubblica utilità, non comporta la sanzione di cui all’art. 30, comma 15 della Legge n. 289/2002, in quanto si tratta di spese di investimento, per le quali non vige alcun divieto di assunzione di nuovi mutui. - Possono coprirsi con debiti fuori bilancio anche le spese per interessi e rivalutazioni, relativi alla espropriazione per pubblica utilità, in quanto spese di investimento.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Emilia Romagna - Sentenza n. 3 del 19 gennaio 2015 Responsabilità amministrativa del Sindaco, della Giunta Comunale e del Segretario Comunale per la nomina di un Direttore Generale dell'ente locale privo del diploma di laurea, che costituisce il requisito minimo per l'accesso alla predetta posizione dirigenziale. Nella quantificazione del danno la Sezione ha valutato l'apporto effettivo del soggetto, sia pure privo dei requisiti professionali – condanna.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Emilia Romagna - Sentenza n. 165 del 3 dicembre 2014 - Illecito contabile perpetrato in danno di un Comune è costituita dall’assunzione del Capo di Gabinetto del Sindaco e dalla conseguente corresponsione al predetto di emolumenti corrispondenti alla categoria D, posizione economica D1, in assenza dei requisiti minimi per accedere a detto inquadramento economico per non aver egli conseguito il titolo di studio del diploma di laurea, come richiesto dal CCNL all’epoca vigente” – condanna.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Lazio - Sentenza n. 665 del 10 settembre 2014 - Responsabilità Amministrativa. Responsabilità degli amministratori di un Ente pubblico - nella specie l’INPDAP, poi confluito nell’INPS. Responsabilità per danno indiretto degli amministratori di un Ente pubblico per il conferimento di mansioni superiori a tempo indeterminato a vari dipendenti con l'omessa revoca decorsi sei mesi dal conferimento in applicazione dell’art. 52 del D.lgs. n. 165/2001 - Sussiste - Compensazione del danno con un preteso utile derivante dall’espletamento delle mansioni superiori - Impossibilità.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione  Lazio - Sentenza n. 230 del 20 marzo 2014 - Processo contabile - Se  non è frutto di un controllo generalizzato è secondario il modo in cui il PR abbia appreso la notizia di danno. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Sardegna -Sentenza n. 56 del 18 marzo 2014 - Responsabilità amministrativa in generale - L’esistenza di una polizza fideiussoria non fa venire meno l’attualità del danno. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Iª Sez. giur. centrale d'appello - Sentenza n. 425 del 17 marzo 2014 - Giurisdizione contabile - Si alla giurisdizione contabile se il costo societario cela una distribuzione occulta di utili. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Umbria - Sentenza n. 34 del 14 marzo 2014 - Responsabilità amministrativa in generale - In  caso di “mancata entrata” il danno è attuale solo se il credito diventa inesigibile. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte -Sentenza n. 26 del 11 marzo 2014 -  Reati contro la P.A.  - Il  clamor fori non è una componente indispensabile del danno all’immagine, ma solo un’aggravante. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. Lazio - Sentenza n. 683 del 14 ottobre 2013 - Giurisdizione Contabile - Per  i danni cagionati ad ANAS s.p.a. la giurisdizione appartiene al giudice contabile. Al riguardo va precisato che, ai fini dell’individuazione della giurisdizione su tali enti, “non rileva la natura dell’attività concretamente svolta dal soggetto agente, quanto piuttosto il carattere pubblico dei finanziamenti e delle risorse economiche utilizzate”, come più volte affermato dalla giurisprudenza della Sezione Lazio, proprio con riferimento all’A.N.A.S. (Sez. Lazio n. 874/2005; Sez. Seconda Centrale Appello n. 131/2008; Sez. Lazio n. 1922/2009), e come ribadito dall’orientamento anche più recente della Corte di Cassazione nel caso di società per azioni che operano in regime totalmente pubblico. In particolare, preso atto che la Suprema Corte ha delineato questo indirizzo con riferimento alla RAI S.p.A. (ordinanza n. 27092/2009), definita “ente assimilabile ad una amministrazione pubblica nonostante l’abito formale che riveste di società per azioni”, la Sezione Lazio osserva che nella fattispecie in giudizio esiste analogia con tale precedente atteso che, come la RAI, anche l’ANAS ha capitale a totale partecipazione pubblica, è designata dalla legge (d.l. n. 138/2002 e d.lgs. n. 143/1994) quale concessionaria di servizio pubblico, è destinataria di un canone avente natura di imposta, è compresa tra gli enti cui lo Stato contribuisce in via ordinaria, sottoposti, pertanto, al controllo della Corte dei conti, e, infine, è tenuta all’osservanza delle procedure di evidenza pubblica nell’affidamento di appalti. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. Friuli-Venezia-Giulia  - Sentenza n. 46 del 2 settembre 2013 - Responsabilità amministrativa Se il convenuto è un finanziere allora deve risarcire anche il costo delle indagini espletate a suo carico. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, IIIª Sez. giur. centrale d'appello - Sentenza n. 546 del 5 agosto 2013 - Giurisdizione contabile - Se la partecipata pubblica svolge attività d’impresa il c.d. controllo analogo non basta a radicare la giurisdizione contabile. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte - Sentenza n. 135 del 1 agosto 2013 - Responsabilità amministrativa e contabile – Dirigente scolastico - Vessazioni continue a danno di un dipendente (mobbing) – Dolo – Sussistenza - Processo contabile – Cessazione della materia del contendere richiesta dal P.M - In assenza delle condizioni di legge – Esclusione. Il comportamento vessatorio posto in essere da un dirigente scolastico nei confronti di un dipendente, con invito a trasferirsi e uso di linguaggio ingiurioso anche in pubblico, definito in sede di giudizio civile “mobbing” con condanna dell’Amministrazione al risarcimento del danno, costituisce pregiudizio erariale posto in essere con dolo.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Sicilia - Sentenza n. 2719 del 23 luglio 2013 - Responsabilità amministrativa per danno indiretto. La transazione, se opportuna o necessaria, non interrompe il nesso causale tra la condotta e l’evento dannoso. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Sardegna - Sentenza n. 232 del 22 luglio 2013 - Appalto di lavori e contratti pubblici. Va escluso dalla gara il concorrente che omette di comprovare la propria capacità tecnica e professionale. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Sicilia - Sentenza n. 2681 dell'11 luglio 2013 - Spese illegittime o vietate dalla legge. Risponde  personalmente il Sindaco che conferisce incarichi di staff in spregio ai divieti posti dalle norme sul patto di stabilità. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Molise - Sentenza n. 74 del 4 luglio 2013 - Spese illegittime o vietate dalla legge. La cena conviviale intesa a rafforzare lo “spirito di gruppo” tra i dipendenti non può essere pagata con soldi pubblici. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sezioni Riunite in sede giur. - Ordinanza n. 1 del 12 giugno 2013 - Non si può sospendere il processo per attendere l'esito di un giudizio di legittimità sollevato in via principale. Premesso che la legittimazione attiva a proporre ricorso per conflitto di competenza avverso un'ordinanza di sospensione del processo compete tanto al Procuratore regionale quanto alla parte privata convenuta in giudizio, deve ritenersi affetto da illegittimità il provvedimento con il quale il Giudice dispone la sospensione del processo al fine di attendere l'esito di un giudizio di legittimità costituzionale sollevato in via principale, tanto più se tale giudizio di costituzionalità ha ad oggetto ad una norma di cui il Giudice contabile non deve fare diretta applicazione. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Umbria - Sentenza n. 25 del 29 aprile 2013 - La Corte dei conti ha giurisdizione anche nei confronti dei privati che percepiscono contributi per la realizzazione di programmi della P.A. senza averne fatto domanda, ma con la consapevolezza della loro destinazione a finalità pubbliche, percependoli indebitamente per soddisfare interessi propri.
.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte - Sentenza n. 40 del 13 marzo 2013.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte - Sent.  n. 14 del 24/01/ 2013 - La Corte dei conti ha condannato gli amministratori di numerose cooperative di produttori di latte per il danno, causato all’erario dello Stato ed all’Unione Europea, in conseguenza del mancato versamento del prelievo supplementare sulle eccedenze di produzione del latte.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte - Sent. n. 7 del 21/01/2013 - Responsabilità nei confronti della P.A. - Danno da disservizio e danno all’immagine pubblica.

Corte dei conti, Sez. giur. per la Regione Piemonte - Sent. n. 6 del 16/01/2013 - Per la prima volta sono stati condannati il sindaco e la giunta e parte del Consiglio comunale per alterazione del bilancio ai fini del rispetto, fittizio, del patto di stabilità.

Corte dei conti, Sez. I Giurisdizionale Centrale - Sent. n. 809 del 14/12/2012 - Responsabilità nei confronti della P.A. degli amministratori e dipendenti delle società con partecipazione pubblica - Danno all'immagine - Danno alla concorrenza.

Corte dei conti, Sez. giur.  per la Regione Lombardia - Sent. n. 63 del 01/02/2012 - Responsabilità P.A. - In tema di danno cosiddetto indiretto, tema che si collega alla responsabilità assunta dalla pubblica Amministrazione verso terzi ed alla problematica dei rapporti tra azione civile di danno ed azione di responsabilità amministrativa.

CORTE DEI CONTI - Prima Sezione giurisdizionale centrale d’Appello -  Sentenza n. 417 del 27 settembre 2011 - Spese illegittime per regalie (regali natalizi) disposte dal Presidente del Consiglio Regionale a favore del personale e dei Consiglieri regionali impropriamente qualificate spese di rappresentanza.

CORTE DEI CONTI - Prima Sezione giurisdizionale centrale d’Appello -  Sentenza n. 408 del 23 settembre 2011 - Condanna del Direttore Generale e del Direttore amministrativo di una ASL al pagamento in favore di detta azienda e per essa della Regione Abruzzo, della somma di € 10.000 il primo e di € 100.000 per un danno finanziario di cui è parte anche il danno all’immagine dell’Amministrazione, arrecato dagli stessi con comportamento caratterizzati da colpa grave.

CORTE DEI CONTI - Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia - Sentenza n. 1006 del 20 settembre 2011 - Responsabilità di dirigente locale per danno erariale da erogazione di compensi aggiuntivi (Nella fattispecie la Sezione ha ritenuto responsabile il convenuto per sottrazione al fondo per la contrattazione decentrata della dirigenza di somme derivanti dal recupero di evasione in violazione di quanto predisposto dal contratto collettivo, unica fonte di disciplina).

CORTE DEI CONTI- Sezione Giurisdizionale  per la Regione Campania - Sentenza n. 359 del 16 marzo 2011 - La giurisdizione della Corte dei conti sull’azione risarcitoria pubblicistica tesa alla compensazione dei pregiudizi arrecati alla c.d. finanza pubblica allargata rinviene fondamento e protezione anche nel diritto dell’Unione europea (art. 117 Cost. e art. 126 -ex art. 104 TCE- Trattato sul funzionamento dell’Unione europea unitamente al Protocollo n. 12 sui disavanzi pubblici eccessivi; Regolamenti del Consiglio del 17 giugno 1997, n. 1446 e 1447, ss.mm.

Corte dei conti - Controllo e consulenza

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Piemonte - Deliberazione n. 145 dell'11 dicembre 2018 - Richiesta di parere del Comune di Torino, in merito alla cumulabilità dell’indennità di funzione e dei gettoni di presenza per gli amministratori degli enti locali. La possibilità di cumulo, da parte degli amministratori locali, dell’indennità di funzione e dei gettoni di presenza, contrasta con la ratio unitaria dei numerosi interventi legislativi che si sono succeduti sin dalla finanziaria 2008, finalizzati a limitare i costi della rappresentanza politica e ad assicurarne la compatibilità con gli equilibri di bilancio, escludendo che possano ritenersi esistenti spazi per la cumulabilità degli emolumenti. L’art. 11, comma 5, del d.l. 78/2010, secondo cui “chi è eletto o nominato in organi appartenenti a diversi livelli di governo non può comunque ricevere più di un emolumento, comunque denominato, a sua scelta”, mediante l’uso, per ben due volte, dell’avverbio “comunque”, lungi dall’individuare l’unico caso di divieto di cumulo, assume il significato di una norma di chiusura che, al fine di evitare che alcune ipotesi possano ritenersi sottratte al generale divieto di cumulo, evidenzia, con l’uso di termini volutamente ampi e generici, che anche chi è eletto o nominato in organi appartenenti a diversi livelli di governo non possa “comunque” (cioè per il solo fatto che si tratti di diversi livelli di governo) cumulare più di un emolumento, “comunque” denominato. Del resto non si rinvengono ragioni per differenziare la disciplina del cumulo dei trattamenti economici degli amministratori locali in ragione del rapporto che intercorre fra i due enti, né per riservare un trattamento di maggior favore nel caso di enti del medesimo tipo (per esempio due comuni) piuttosto che nel caso di enti di tipo diverso (per esempio comune e provincia). da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Piemonte - Delibera n. 135 dell'11 dicembre 2018 - Per l’erogazione e la ripartizione degli incentivi per funzioni tecniche, l’ente Regione rimane libero, nell’esercizio della propria attività discrezionale oltre che del proprio potere regolamentare, quanto alle valutazioni pertinenti la stipulazione di un accordo con le Organizzazioni sindacali e con le RSU in relazione alla definizione del riparto delle risorse accantonate all’epoca dell’approvazione dei lavori e delle opere pubbliche in funzione dell’incentivazione delle funzioni tecniche svolte da dipendenti regionali dopo l’entrata in vigore – 26 agosto 2014 – della novella di cui al d.l. n. 90/2014, come convertito dalla legge n. 114/2014, e relative a bandi pubblicati prima dell’entrata in vigore del d.lgs n. 50/2016. Per l’utilizzo del fondo salariale accessorio da destinarsi al pagamento degli incentivi per funzioni tecniche, la Sezione si è pienamente uniformata all’orientamento espresso dalla Sezione delle Autonomie con la deliberazione n 6/SEZAUT/2018/QMIG, secondo la quale, posto che il legislatore, con norma innovativa contenuta nella legge di bilancio per il 2018, ha stabilito che i predetti incentivi gravano su risorse autonome e predeterminate del bilancio (indicate proprio dal comma 5-bis dell’art. 113 del d.lgs. n. 50 del 2016) diverse dalle risorse ordinariamente rivolte all’erogazione di compensi accessori al personale, gli incentivi per le funzioni tecniche devono ritenersi non soggetti al vincolo posto al complessivo trattamento economico accessorio dei dipendenti degli enti pubblici dall’art. 23, comma 2, del d.lgs. n. 75 del 2017. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione di controllo sugli enti - Determinazione n. 119 del 4 dicembre 2018 - Determinazione e Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria di Equitalia S.p.A., per l'esercizio 2016. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Piemonte - Delibera n. 133 del 29 novembre 2018 - Il finanziamento pubblico di una fondazione di partecipazione deve avvenire all’interno di una cornice convenzionale. In difetto di tale convenzione ed in presenza di una fondazione in costante perdita, i contributi pubblici potrebbero qualificarsi quali interventi a copertura delle perdite. Nel caso della Fondazione per il libro, gli Enti soci non sono tempestivamente ed adeguatamente intervenuti per arrestare la deriva finanziaria che ha condotto alla liquidazione della Fondazione, con grave danno per i creditori terzi. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania - Ordinanza n. 115 dell'8 ottobre 2018 - Ordinanza di remissione alla Corte Costituzionale della normativa regionale sospettata di incostituzionalità nel giudizio di parificazione per gli esercizi 2015-2016. - La Sezione regionale di controllo per la Campania solleva la questione di legittimità costituzionale dell'art. 2, commi 2 e 4, della Legge Regione Campania 3 settembre 2002, n. 20 e dell'art. 1, comma 1, della Legge Regione Campania 12 dicembre 2003, n. 25, in riferimento ai parametri stabiliti dall'articolo 117,  comma 2, lett. l), dall'articolo 97, comma 1 e dall'art.81 Cost..
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Liguria - Deliberazione n. 123 del 2 ottobre 2018  - Regioni ed Enti Locali - Avanzo di Amministrazione - Pareggio di bilancio - La Sezione si pronuncia nel senso che, con riferimento al dispositivo della sentenza della Corte costituzionale n. 101 del 2018, o meglio, all’art. 1, comma 466, della legge n. 232 del 2016 come integrato alla luce di tale sentenza, una lettura che sia coerente con il sistema ordinamentale che governa le materie interessate, impone di ritenere che, per quanto concerne l’anno 2018, l’avanzo di amministrazione derivante dall’esercizio precedente e utilizzato dall’Ente nel corso dell’esercizio, possa essere conteggiato ai fini della verifica del rispetto del saldo di finanza pubblica richiesto agli enti territoriali, nei limiti fissati dalle disposizioni attualmente vigenti, come da ultimo considerate nel decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n. 182944 del 23 luglio 2018 sul monitoraggio semestrale del saldo (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 185 del 10 agosto 2018).
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania - Relazione del Presidente della Sezione regionale di controllo Fulvio Maria Longavita nel giudizio sui rendiconti generali della Regione Campania per gli esercizi finanziari 2015 e 2016 - Napoli, 17 settembre 2018.

Pubblichiamo gli atti con i quali la Corte dei conti – Sezione regionale di controllo per la Campania ha proceduto alla parifica dei rendiconti della Regione.

Facendo riserva di ulteriori approfondimenti considerata la rilevanza della pronuncia si segnalano fin d’ora alcuni profili:

A) sindacabilità in parifica delle coperture, in termini di saldi, senza passare da questione di costituzionalità. Questo ha portato la Sezione ad elaborare un nuovo tipo di pronuncia cd. “non parifica tecnica”, premessa di una successiva questione di costituzionalità in sede di bilancio previsionale, nonché, per il Governo in sede “politica”. Si segnala anche la “parifica con riserva” che equivale alle sentenze monito della Corte costituzionale;
B) interpretazione del sistema sui limiti all’applicazione delle quote vincolate in caso di disavanzo, con il favor, però, per gli investimenti;
C) sindacabilità della spesa dei centri di spesa di secondo livello (qlc sulla spesa del personale del consiglio regionale. Oggi il Consiglio, domani un qualsiasi altro ente strumentale);
D) riunione dei giudizi, che ha reso necessaria una profonda riflessione su natura, oggetto, ed effetti del giudizio di parifica.


1) Deliberazione n. 110/2018/PARI del 3 ottobre 2018 2)
Motivazioni decisione n. 110/2018/PARI del 17 settembre 2018-ALLEGATO-A; 3) Relazione finale ai sensi dell’art. 41 T.U. Corte corti e art. 1, comma 5, D.L. n. 174/2012-ALLEGATO-B.
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania - Deliberazione n. 107 del 10 settembre 2018 - La Corte dei conti blocca la spesa discrezionale del Comune di Napoli.
.

Corte dei conti, Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato - Deliberazione n. 18 del 10 settembre 2018 - Relazione concernente “Il Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici nelle zone a rischio sismico".  da www.corteconti.it
..

Corte dei conti, Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato - Deliberazione n. 16 del 6 agosto 2018 - Relazione su "I compiti del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e il ruolo della Sogesid". da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Veneto - Deliberazione n. 189 del 22 maggio 2018/PAR - è possibile lo scorrimento delle graduatorie concorsuali, anche di altri enti, ma non per i posti di nuova istituzione o trasformazione.
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Veneto - Deliberazione n. 181 del 10 maggio 2018/PAR - Gli enti locali, prima di procedere a nuove assunzioni, devono esperire non solo le procedure di mobilità collettiva volte a ricollocare il personale in sovrannumero. L'eventuale valutazione di non idoneità di tale personale deve essere motivata in modo puntuale e rigoroso.
.

Corte dei conti, Sezioni delle Autonomie - Delibera n. 8 del 26 aprile 2018 - Linee guida per la relazione dei revisori dei conti dei comuni, delle città metropolitane e delle province sui bilanci di previsione 2018-2020 per l’attuazione dell’art. 1 comma 166 e seguenti della legge 23 dicembre 2005 n. 266. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezioni delle Autonomie - Delibera n. 6 del 26 aprile 2018 - Incentivi per funzioni tecniche e trattamento economico accessorio (art. 113, d.lgs. 50/2016 - art. 1, co. 526, legge 27 dicembre 2017, n. 205). da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezioni riunite in sede di controllo - Delibera n. 4 del 26 aprile 2018  - Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto Istruzione e Ricerca per il triennio 2016-2018. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezioni riunite in sede consultiva - Delibera n. 4 del 22 dicembre 2017 - Parere sullo schema di decreto legislativo integrativo e correttivo del decreto legislativo in materia di riordino della disciplina per la gestione del bilancio e il potenziamento della funzione del bilancio di cassa in attuazione dell’art. 42, comma 1, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.  da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti - Determinazione  n. 24 del 24 marzo 2016 Determinazione e relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria della SOCIETÀ PER LO SVILUPPO DELL’ARTE, DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO (ARCUS S.P.A.). da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti - Determinazione n. 21 del 10 marzo 2016 - Determinazione e relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria di ANAS S.p.A.. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato - Delibera n. 3 dell'11 febbraio 2016 - In tema di Opere pubbliche di competenza statale: Deliberazione CIPE. L’utilizzazione di risorse revocate, ai sensi dell’art.13, comma 1 del D.L. 23 dicembre 2013, n.145 ed affluite al “Fondo revoche” istituito dall’art.32, comma 6 del D.L. 6 luglio 2011, convertito dalla legge 15 luglio 2011, n.111, è riservata agli interventi, ai sensi del comma 4 del cennato D.L. 145/2013, “immediatamente cantierabili”. L’immediata cantierabilità costituisce, da un lato, il contraltare delle carenze riscontrate per opere infrastrutturali per le quali, ad almeno due anni dall’assegnazione delle risorse, non sia stato ancora pubblicato il bando di gara, alle quali consegue la revoca dell’assegnazione e, dall’altro, essa costituisce il requisito fondamentale per la nuova assegnazione. Pertanto, il CIPE assegna dette risorse “contestualmente” all’approvazione di progetti definitivi ed immediatamente cantierabili che rappresentano la risposta concreta che è nello spirito della normativa analizzata, la quale mira ad un’inversione di tendenza nella realizzazione delle opere pubbliche con una rinnovata attenzione alla destinazione (nuova destinazione) delle pubbliche risorse. La rilevanza delle opere, finanziata per almeno il 50% a carico dello Stato e di ammontare superiore a 25 milioni di euro, implica obbligatoriamente il parere del Consiglio Superiore dei lavori pubblici, di cui all’art.127 del D.lgs. 163/2006 e successive modificazioni. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato - Delibera n. 2 del 5 febbraio 2016 - In tema di conferimento di incarico dirigenziale di livello non generale. Il conferimento di incarichi dirigenziali non può prescindere dall’effettuazione delle procedure concorsuali ai sensi dell’art. 19 del d.lgs 165/2001. Sono illegittimi i conferimenti effettuati senza il rispetto delle forme regolamentari di pubblicità dei posti vacanti ed in assenza delle procedure valutative in quanto il suddetto procedimento appare effettuato al duplice scopo di contemperare sia l’interesse dell’Amministrazione ad attribuire il posto al più idoneo in ossequio al principio del buon andamento, sia ad assicurare la parità di trattamento e le legittime aspirazioni degli interessati, come ripetutamente affermato da questa Sezione con delibere nn. 21/2010/PREV; 3/2013/PREV; 25/2014/PREV. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per l'Umbria - Deliberazione n. 147 dell'11 novembre 2015 - Procedure di mobilità per interscambio - Sulla possibilità di ricorrere a procedure di mobilità per trasferimento tra enti locali ed extra compartimentali al fine di sopperire a carenze di risorse in organico, nonché sull’ attivazione di una procedura di “mobilità per interscambio”, consistente in una cessione del contratto di lavoro di dipendenti appartenenti alla stessa categoria giuridica e senza alcun aggravio di spesa per il bilancio degli enti interessati, entrambi sottoposti a vincoli assunzionali, tenuto conto che l’ente richiedente incorre nel divieto di procedere ad assunzioni di personale ai sensi dell’art. 41, comma 2, del D.L. 24 aprile 2014 n. 66.
.

Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti - Delibera n. 89 del 24 luglio 2015 - Relazione sul risultato del controllo sulla gestione finanziaria di ANAS S.p.A. per l’esercizio 2013.
.

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Veneto - Parere n. 2 del 15 gennaio 2015 - In tema di diminuzione dei compensi spettanti ai dipendenti pubblici per arbitrati o collaudi.
.

Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti - Delibera n. 97 del 17 novembre 2014 - Relazione sul risultato del controllo sulla gestione finanziaria della “Società per lo sviluppo dell’arte, e della cultura e dello spettacolo Arcus S.p.A.”, per l'esercizio 2012.
.

Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti - Delibera n. 99 del 17 novembre 2014 - Relazione sul risultato del controllo sulla gestione finanziaria dell’EUR Spa, per gli esercizi 2011 e 2012.
.

Corte dei conti,  Sezioni Riunite in sede di controllo - Audizione sul disegno di legge di stabilità per l’anno 2015 del Presidente della Corte dei conti Raffaele Squitieri presso le Commissioni Bilancio riunite della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Roma, 3 novembre 2014.
.

Corte dei conti – Sezione centrale di controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato - Delibera n. 36 del 30 dicembre 2014 - In tema di conferimento incarico dirigenziale generale, ai sensi dell’art.19, comma 6 d.lgs. n.165/2001 - La procedura prevista dal dettato dell’art. 19, comma 6, del decreto legislativo n. 165/2001 e ss.mm.ii., pone in capo all’Amministrazione un onere di previa verifica circa la sussistenza delle risorse umane interne, in possesso dei requisiti professionali richiesti dall’incarico, determinando una necessaria funzionalizzazione della procedura valutativa a tale obiettivo prioritario, rimettendo a una fase successiva ed eventuale, conseguente all’esito infruttuoso della prima, la ricerca all’esterno finalizzata al conferimento di un incarico ai sensi del comma 6, che, in ogni caso, deve discendere da una rinnovata volontà discrezionale dell’Amministrazione medesima, debitamente motivata.
.

Corte dei conti, Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato - Delibera n. 24 del 29 ottobre 2014 - Pubblico impiego - Decreto di conferma di dirigenti di seconda fascia ai sensi dell’art. 19 comma 2 del d.lgs n.165/2001 - Necessità di procedure concorsuali per l’assunzione del provvedimento di - non sussiste. - Il rinnovo di incarico dirigenziale pubblico di seconda fascia può essere assegnato anche senza procedure concorsuali, a patto che ci siano peculiari esigenze di funzionamento scritte nero su bianco nel provvedimento di conferma. Tra queste non può rientrare l'urgenza considerato che il momento della scadenza dell'incarico è nota fin dall'inizio e consente all'Amministrazione di provvedere in tempo, mentre la deroga può essere giustificata solo dall'alto livello di specializzazione dei compiti assegnati all'ufficio.
.

Corte dei conti, Sez. controllo per la Regione Umbria - Parere n. 125 del 23 ottobre 2013 - Comune e provincia – Compenso incentivante a funzionari tecnici per progettazione urbanistica – In assenza della previsione di opere pubbliche – Esclusione. Va escluso il diritto dei funzionari tecnici comunali alla percezione del compenso incentivante di progettazione previsto per l’attività di pianificazione se essa non comprende un’opera pubblica (art. 92, comma 6, del Codice dei contratti).
.

Corte dei conti, Sez. controllo per la Regione Umbria - Deliberazione n. 121 del 9 agosto 2013 - Società partecipate - I compensi assembleari riversati al fondo unico per il trattamento accessorio sono un’economia di spesa per l’Ente. Invero, la ratio dell’art. 9, comma 2-bis, del DL 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 è quella di cristallizzare al 2010 il tetto di spesa relativo all’ammontare complessivo delle risorse presenti nei fondi unici che dovrebbero tendenzialmente essere destinate al trattamento accessorio del personale, anche di livello dirigenziale, di ciascuna delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Con il perseguimento di tale obiettivo non contrasta l’art. 4, comma 4, del D.L. 6 luglio 2012, n. 95, come convertito dalla legge 7 agosto 2012 n. 135, atteso che tale norma non stabilisce alcuna deroga alla normativa vigente. da www.respamm.it
.

Corte dei conti, Sez. controllo sulla legittimità sugli atti di governo e delle Amm.ni dello Stato - Deliberazione n. 13 del 17 luglio 2013 - Consulenze ed incarichi esterni - La reiterazione di incarichi a soggetti estranei non può tradursi in forme atipiche di assunzione. A proposito della temporaneità e straordinarietà dei contratti di collaborazione, è stata in più occasioni ribadita sia dalla giurisprudenza che dalla prassi amministrativa la necessità che gli incarichi ex art. 7, comma 6, del d.lgs. n.165/2001 siano conferiti allo scopo di sopperire ad esigenze di carattere non permanente e per le quali le Amministrazioni si trovino nell’effettiva impossibilità di fare ricorso alle risorse umane e professionali in servizio e non abbiano a disposizione tempo sufficiente per provvedere al reclutamento, con le procedure prescritte dalle vigenti disposizioni, di personale professionalmente adeguato allo svolgimento delle prestazioni richieste. da www.respamm.it
.

Corte dei conti - Sezione centrale del controllo sugli enti - Delibera n. 36 del 15 maggio 2013 - Determinazione e relazione della Sezione del controllo sugli enti sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria di ANAS S.p.A. per l’esercizio 2011.
.

Corte di Cassazione

Corte di Cassazione – Sezioni unite civili Sentenza n. 22645 dell'8 novembre 2016 - Giudizio di parificazione e ricorso alle SSSS della Corte di cassazione per motivi di giurisdizione -  Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

Corte di Cassazione – Sezioni unite civili Ordinanza n. 21262 del 20 ottobre 2016 - Accertamento del diritto di voto e riparto di giurisdizione - Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

Corte di cassazione – Sezioni unite civili Sentenza n. 17660 del 19 luglio 2013 - Uso di fondi pubblici - Chi percepisce un contributo di scopo entra in rapporto di servizio con l’Amministrazione. Ai fini del riconoscimento della giurisdizione della Corte dei conti per danno erariale, non deve aversi riguardo alla qualità del soggetto che gestisce il denaro pubblico - che ben può essere un soggetto di diritto privato, destinatario della contribuzione - bensì alla natura del danno ed alla portata degli scopi perseguiti con la contribuzione stessa. Ne consegue che in tema di danno erariale è configurabile un rapporto di servizio tra la P.A. erogatrice del contributo statale ed i soggetti privati e pertanto una loro responsabilità amministrativa qualora essi, disponendo della somma erogata in modo diverso da quello preventivato o ponendo in essere i presupposti per la sua illegittima percezione, abbiano frustrato lo scopo perseguito dall'Amministrazione. da www.respamm.it
.

.Corte di cassazione – Sezioni unite civili – Sentenza n. 4283 del 21 febbraio 2013 La decisione ribadisce e consolida il principio di diritto secondo il quale l'insindacabilità "nel merito" delle scelte discrezionali compiute dai soggetti sottoposti alla giurisdizione della Corte dei conti non comporta che esse siano sottratte al sindacato giurisdizionale di conformità alla legge formale e sostanziale che regola l'attività e l' organizzazione amministrativa, e quindi il giudice contabile non viola i limiti esterni della propria giurisdizione quando sottopone a giudizio di responsabilità per danno erariale gli amministratori che hanno conferito incarichi professionali senza determinazione specifica di contenuto, durata, criteri, compenso, in contrasto con l'art. 7, ultimo comma, del d.lgs. 3.2.1993, n. 29 (ora d.lgs. 165/2001). Il conferimento dell'incarico è legittimo solo in ipotesi di impossibilità oggettiva, da rappresentare nella delibera di far fronte all'esigenza richiesta con personale interno all' organizzazione, la cui qualificazione professionale l'amministrazione ha l'obbligo di verificare periodicamente ed incrementare.
.

Consiglio di Stato - TAR

Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sez. V - Sentenza n. 4586 del 10 settembre 2014 - Appalti pubblici - Responsabilità della Pubblica Amministrazione – Ingiustizia del danno – Sufficienza – Elemento soggettivo – Non è elemento costitutivo. Massima a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA TOSCANA - SEZ. I  - Sentenza n. 6579 del  11 novembre 2010 - In tema di swap conclusi dagli Enti locali.

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO - SEZ. I - Ordinanza n. 1887 del 29 aprile 2010 - Il T.A.R. del Lazio, su ricorso dell’Associazione Magistrati della Corte dei conti, sospende l’efficacia del “Regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento degli uffici amministrativi e degli altri uffici con compiti strumentali e di supporto alle attribuzioni della Corte dei conti”.

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO - SEZ. I - Ordinanza n. 503 del 23 marzo 2010 - Corte dei Conti - Consiglio di Presidenza - Composizione (art. 11, comma 8, L. n. 15 del 2009) - Componenti eletti dai magistrati della Corte dei conti – Numero uguale a quello dei componenti eletti dal Parlamento – Contrasto con gli artt. 100, comma 3, 103, comma 2, 108 e 104 Cost. - Corte dei Conti - Consiglio di Presidenza - Composizione (art. 11, comma 8, L. n. 15 del 2009) – Mancata prevalenza dei componenti eletti dai magistrati della Corte dei conti rispetto a quelli di nomina parlamentare – Disparità di trattamento rispetto alle altre magistrature – Contrasto con l’art. 3 Cost.

CONSIGLIO DI STATO - ADUNANZA PLENARIA - CONTRATTI DELLA P.A. - Sentenza 30 luglio 2008 n. 9 (nel conformarsi all’orientamento della Sez. Unite secondo cui nell’ambito della giurisdizione esclusiva in materia di procedure di gara il G.A. non ha anche il potere di pronunciarsi sulle sorti del contratto di appalto a seguito dell’annullamento dell’aggiudicazione, afferma tuttavia che tale potere sussiste in sede di esecuzione della sentenza di annullamento, nell’ambito della giurisdizione di merito di cui il G.A. dispone in materia di esecuzione del giudicato), sull’ammissibilità della reintegrazione in forma specifica da parte del giudice dell’ottemperanza nelle ipotesi di annullamento di un’aggiudicazione).

continua>>>

Corte Costituzionale

Corte Costituzionale, Sentenza n. 255 del 3 novembre 2014 - Il controllo sulle leggi della Regione siciliana è di natura successiva, secondo l'art. 127 Cost. Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

CORTE COSTITUZIONALE - Sentenza 9 febbraio 2011, n. 37 -  CONTROLLO DI GESTIONE - È inammissibile, per difetto di legittimazione, la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte dei conti – Sezione di controllo della Lombardia in sede di controllo di gestione diretto ad assicurare, in funzione collaborativa, in vista dell’unità economica della Repubblica e del coordinamento della finanza pubblica, la sana gestione finanziaria degli enti locali, nonché il rispetto, da parte di questi, del patto di stabilità interno e del vincolo in materia di indebitamento posto dall’ultimo comma dell’art. 119 Cost.

CORTE COSTITUZIONALE - Sentenza 5 marzo 2010, n. 81 -  Spoils System - Illegittimità dell’art. 2, comma 161, del D.L. n. 262 del 2006, nella parte in cui prevede la cessazione degli incarichi dirigenziali non di vertice, conferiti a personale non dipendente da pubbliche amministrazioni, ove non confermati entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del D.L. n. 262 del 2006.

Corte cOSTITUZIONALE - sentenza n. 137 dell'8 maggio 2009 - Contributi - La Consulta boccia la legge provvedimento della Regione Lazio che discrimina tra i destinatari di contributi per attività di carattere sociale, culturale e sportivo"

continua>>>

CORTE COSTITUZIONALE - Sentenza 1 dicembre 2008, n. 399 - Contratti di collaborazione coordinata e continuativa - Passaggio ai contratti a progetto, ai sensi del d.lgs. n. 276 del 2003 - Norme transitorie - Prevista conservazione dell'efficacia dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa, insuscettibili di riconduzione a un progetto, fino alla loro scadenza e, in ogni caso, non oltre un anno dalla data di entrata in vigore del detto decreto legislativo - Omessa previsione della perdurante efficacia di dette collaborazioni anche oltre la scadenza di legge e fino alla scadenza contrattuale originariamente prevista, in caso di richiesta del collaboratore - Irragionevolezza, per contrarietà della norma rispetto alla sua ratio - Illegittimità costituzionale.

continua>>>

CORTE COSTITUZIONALE - Sentenza 28 novembre  2008 n. 390 - Pubblico impiego - Spoil system - Regione Lazio - Norme impugnate: Art. 133, c. 5°, della legge Regione Lazio 28/04/2006, n. 4; art. 10 della legge della Regione Lazio 16/06/1994, n. 18. La Suprema Corte dichiara illegittime le norme della Regione Lazio che hanno previsto la revoca automatica dei componenti del collegio sindacale delle ASL e delle Aziende ospedaliere, senza il rispetto dei principi del giusto procedimento.

continua>>>

CORTE COSTITUZIONALE - Sentenza 24 ottobre 2008 n. 351 - Pubblico impiego - Spoils system - Regione Lazio - Disciplina prevista dall’art. 1, commi 1 e 2, della L. reg. n. 8 del 2007 - Dirigenti di organi di amministrazione di enti pubblici decaduti ai sensi di norme legislative regionali (c.d. "spoil system") dichiarate illegittime a seguito di sentenze della Corte costituzionale - Previsione del potere della Giunta regionale di deliberare in via alternativa il reintegro nelle cariche ed il ripristino dei relativi rapporti di lavoro o un'offerta di equo indennizzo - Illegittimità costituzionale - Per violazione dell’art. 97 Cost. - Va dichiarata.

continua>>>

Corte Costituzionale - Sentenza 28 marzo 2008 n. 74 - Dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 1, comma 774, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - legge finanziaria 2007), sollevate, in riferimento all'art. 3 della Costituzione, dal Giudice unico delle pensioni della Sezione giurisdizionale per la Regione Siciliana della Corte dei....

continua>>>

"LA CONSULTA BOCCIA LO SPOIL SYSTEM"
Corte costituzionale
Sentenza 23 marzo 2007 n. 103 - Pres. Bile - Red. Quaranta - G.C, R.R. M.C., C.D. G., E.M.,E.C., F.I.,  c. Presidente del Consiglio dei ministri. Giudizi di legittimità costituzionale dell’articolo 3, commi 1, lettera b), e 7, della legge 15 luglio 2002, n. 145 (Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e....

continua>>>

Comunità Europea

CORTE DI GIUSTIZIA CE - SEZIONE VI - Sentenza 4 marzo 2010 C-297-08 - Inadempimento di uno Stato – Ambiente – Direttiva 2006/12/CE – Artt. 4 e 5 – Gestione dei rifiuti – Piano di gestione – Regione Campania - Rete adeguata ed integrata di impianti di smaltimento – Pericolo per la salute umana o per l’ambiente – Forza maggiore – Turbative dell’ordine pubblico – Criminalità organizzata.

CORTE DI GIUSTIZIA CE - SEZIONE III - Sentenza 10 settembre 2009 C-573-07 - Affidamento in house - Appalti pubblici - Procedure di aggiudicazione - Appalto relativo al servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti urbani - Assegnazione senza gara d’appalto - Assegnazione ad una società per azioni il cui capitale sociale è interamente detenuto da enti pubblici, ma il cui statuto prevede la possibilità di una partecipazione di capitale privato.

CORTE DI GIUSTIZIA CE - SEZIONE III - Sentenza 3 settembre 2009 C-2-08 - SENTENZE PASSATE IN GIUDICATO - Iva - Primato del diritto comunitario - Disposizione del diritto nazionale che sancisce il principio dell’autorità di cosa giudicata

CORTE DI GIUSTIZIA CE - SEZIONE III - Sentenza 26 marzo 2009 C-326-07 - PRIVATIZZAZIONI-GODEN SHARE - Inadempimento di uno Stato – Artt. 43 CE e 56 CE – Statuti di imprese privatizzate – Criteri di esercizio di taluni poteri speciali detenuti dallo Stato.